Cortez

Da Super Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Nemico di Il Portale Millenario
PMIPMCortez.png
Cortez
PV Massimi 20 (per fase)
Attacco 4
Difesa 1
Posizione/i Grotta dei pirati
Enciclopedia È il fantasma di un pirata che non ha ancora trovato pace. Pare che sia molto attaccato alle cose terrene.
Strumenti -
Mosse Stilettata (4, colpisce chi sta davanti), Sciabolata (4, colpisce chi sta dietro), Stilettata/Sciabolata multipla (2x4), Lancio ossa (4), Testata (4), Carica (+4 attacco per il turno successivo), Morso (4), Assorbi anime (recupera PV, sparisce mezzo pubblico)
Enciclopedia
104    105    106
Descrizione
È Cortez! Il fantasma del grande pirata che terrorizza i marinai di questi luoghi! I suoi PV massimi sono 20, la potenza è 4, la difesa è 1. Ha davvero pochi PV, ma essendo un fantasma non è un problema: risorge! Inoltre può usare varie tecniche di battaglia! È davvero terribile! Bisogna assolutamente infliggergli dei danni! Solo così potrai sconfiggerlo! Forza! Mandiamo questo fantasma all'altro mondo! Hmm... Ma quale...?

“Di te, come della mia Signoria, rimarranno solo le ossa: preparati!”
Cortez, Paper Mario: Il Portale Millenario

Cortez è il possessore della Stella Zaffiro, la quinta Gemma Stella, in Paper Mario: Il Portale Millenario. Vive a bordo della Teschio nero, una nave pirata situata in fondo alla Grotta dei pirati sull'Isola Tropico.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Stando all'Informatore informale, Cortez saccheggiava spesso Fannullopoli fino al giorno in cui un membro della sua ciurma lo tradì. Salpò via col suo tesoro poco prima di morire. In seguito, il Bijou teschio che faceva andare la sua nave fu rubato da un antenato di Marco, confinandolo nella Grotta dei pirati, dove il suo spirito difende il tesoro.

Secondo Rolando, è stato Cortez a sconfiggere l'eroe Koopa e a confinarlo in un forziere nero. Cortez prese in seguito possesso della Stella Zaffiro.

Paper Mario: Il Portale Millenario[modifica | modifica wikitesto]

Cortez cerca di scacciare Mario e compagni (similarmente a come faceva Tutankoopa nel primo gioco) convinto che siano venuti a rubare il suo tesoro. Dopo che i suoi messaggi di avvertimento falliscono e Mario arriva sulla sua nave, Cortez lascia perdere e decide di attaccarli direttamente. Dopo essere stato sconfitto sembra che Cortez stia per sparire, ma ritorna in quanto spirito immortale legato al suo tesoro. Quando Mario rivela che vuole solo la Gemma Stella e non tutto il tesoro, Cortez rimane stupito e gliela cede volentieri, dichiarando che tanto non gli piaceva nemmeno.

Quando il pirata Quattrocchi rivela di essere Fustighino, Mario e Marco vanno nuovamente da Cortez per chiedergli se può prestare loro la sua nave. Cortez si rifiuta affermando che non può far partire la nave senza il Bijou teschio. Marco rivela di averlo lui e Cortez si infuria con lui, essendo per forza di cose il discendente di colui che gli rubò il Bijou in principio, e si rifiuta categoricamente. Cortez accetta solo dopo che Marco lo ricatta dicendo che gli metterà nuovamente Mario contro per poi buttare il gioiello in mare. Rimessa in moto la Teschio nero, Cortez aiuta Mario e compagni a combattere gli Incrociati e poi li riporta a Fannullopoli. Per il resto del gioco, Cortez resterà attraccato al molo di Fannullopoli per riportare Mario sull'Isola Tropico.

Alla fine del gioco, Cortez salpa nuovamente per i mari insieme a Cannonio.

In battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Nemico di Il Portale Millenario
Nocoverart.png

Caricane una!
Armi di Cortez
PV Massimi 4 (cadauna)
Attacco 2 (lo stiletto 3)
Difesa 0 (l'uncino 1)
Posizione/i Grotta dei pirati
Enciclopedia -
Strumenti -
Mosse Spada: Sciabolata (2x2)
Sciabola: Sciabolata (3)
Uncino: Punzecchiata (2, avvelena)
Stiletto: Stilettata (2 a entrambi i personaggi, ignora difesa)
Enciclopedia
        
Descrizione
 

Prima forma[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua prima forma Cortez ha l'aspetto di una sorta di enorme serpente di ossa con quattro braccia, armate rispettivamente di spada, sciabola, stiletto e uncino. In questa forma usa le prime tre armi per attaccare Mario e i suoi compagni.

Seconda forma[modifica | modifica wikitesto]

In questa forma Cortez molla le armi e diventa un regolare serpente, ma dotato di una gabbia toracica allargata con una gemma verde pulsante al suo interno. In questa forma Cortez attacca tirando testate e lanciando ossa, e può anche caricare per aumentare i danni del lancio di ossa. Colpendo l'elsa vertebrale (il cumulo di ossa che gli fa da base) almeno due volte la gabbia toracica si apre, esponendo la gemma. Colpendo Cortez sulla gemma si infliggono maggiori danni, dato che non solo ha difesa 0 ma subisce anche un danno più del normale da qualsiasi attacco.

Terza forma[modifica | modifica wikitesto]

Nella terza forma Cortez lascia perdere il corpo fisico e rimane solo la sua testa svolazzante, come fuori dalla battaglia, ma accompagnata dalle armi della prima forma che ora fluttuano e sono dotate di vita propria. È possibile attaccare anche le armi, ma dopo due turni ritornano con tutti i PV. L'unico modo per sbarazzarsene definitivamente è con la Folata di Spirù. In questa forma Cortez attacca semplicemente mordendo, oltre agli attacchi delle varie armi. Una volta sceso sotto i 10 PV, Cortez assorbe le anime di metà del pubblico per recuperare tutti i PV persi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nonostante Cortez abbia solo 20 PV, l'assorbimento delle anime gliene può far recuperare fino a 100 a seconda di quanti membri ci sono effettivamente nel pubblico.
  • Se grazie a un colpo di fortuna l'attacco dello stiletto manca il personaggio davanti, il secondo farà automaticamente il comando di difesa.
  • L'illustrazione ufficiale di Cortez lo rappresenta nella prima forma in battaglia e non nel suo vero aspetto.

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua
Nome
Significato
Jap.png Giapponese
コルテス
Korutesu
Riferimento al conquistatore spagnolo Hernán Cortés.
Uk.png Inglese
Cortez
France.png Francese
Cortese
De.png Tedesco
Cortez
Spa.png Spagnolo
Cortés

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]