Le disavventure dell'Idraulico

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Le disavventure dell'Idraulico
Disavventureidraulico.jpg
Serie: Seconda
Nome originale: Misadventure of Mighty Plumber
Scrittore: Michael Maurer
<< Lista episodi >>

Le disavventure dell'Idraulico è il dodicesimo episodio de Le avventure di Super Mario, la seconda serie animata di Super Mario. È andato in onda insieme a "Oh, fratello!".

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Mario e Luigi stanno guardando, grazie a un televisore che si sono portati dietro dal mondo reale, un episodio della serie "Le avventure del Possente Idraulico", che viene interrotto sul più bello dalla pubblicità. Nel frattempo Re Attila si sta agitando: Bully e Dentolino pensano stia facendo aerobica e si uniscono, ma vengono fermati dal padre che spiega loro cosa stava facendo: ha trovato da poco una mappa per raggiungere il tesoro del Mondo dei Tubi, ma sapendo che Mario e Luigi lo fermeranno comunque gli è partito un attacco d'ira. In quel momento arrivano Hip e Hop, che vogliono far vedere ad Attila che Cippy ha appena imparato una magia che gli permette di far uscire le cose dalla televisione. In quel momento la pubblicità finisce e ricomincia la serie del Possente Idraulico, e vedendolo in azione Attila decide di usarlo per fermare Mario e Luigi. Una volta tirato fuori, Attila dice al Possente Idraulico che Mario e Luigi sono due idraulici malvagi che vogliono rubare il tesoro del Mondo dei Tubi e che deve fermarli, e lui obbedisce.

Nel frattempo il televisore di Mario e Luigi si guasta, e mentre i due si disperano una Pianta Sputafuoco entra dalla finestra e lascia col fuoco un messaggio da parte di Attila sul muro della casa, dove li irride dicendo loro di provare a fermarlo. Mario e Luigi decidono prontamente di inseguirlo. Nel frattempo il Possente Idraulico apre ad Attila l'ingresso per il labirinto sotterraneo del Mondo dei Tubi, e mentre Attila pensa a come spendere i soldi del tesoro arrivano Mario e Luigi. Attila manda il Possente Idraulico contro di loro: Luigi cerca di chiedergli un autografo, ma lui, considerandoli traditori, li attacca. Mario e Luigi continuano a schivare i suoi colpi con il lazo sturalavandini e la serpentina a tenaglia (che viene dirottata contro Re Attila), finendo per scappare in un tubo di collegamento pieno d'acqua.

Arrivati in una caverna piena d'acqua, Mario e Luigi avanzano seguendo le tracce di Attila e studiando un piano per sottrargli la mappa: Luigi provoca una Pianta Sputafuoco in modo che gli morda il sedere, e Mario la afferra per usarla come fune per calare Luigi per il tubo in cui è nascosto Attila per prendergli la mappa. I pantaloni di Luigi si strappano facendolo cadere addosso ad Attila, ma riesce comunque a sottrargli la mappa: Attila prontamente gli manda contro il Possente Idraulico che la riprende subito. Mario scende giù per aiutare Luigi e prendersi nuovamente la mappa. Di lì inizia un inseguimento fra le due parti lungo il fiume sotterraneo, usando pezzi di tubo e tombini come barche improvvisate, tra Piante Sputafuoco e discese ripide: Attila e il Possente Idraulico riescono a riprendersi la mappa e a fuggire in un tubo sul soffitto, lasciando cadere Mario e Luigi giù dalla cascata e riuscendo ad arrivare per primi alla camera del tesoro.

Il Possente Idraulico apre la cassaforte e Attila prende tutto il tesoro: così facendo attivano il sistema di sicurezza che inizia a far allagare la stanza, e Attila scappa rivelando al Possente Idraulico che il vero ladro in tutta la faccenda era lui, chiudendolo dentro alla camera. Mentre il Possente Idraulico capisce di essere stato giocato, Mario e Luigi arrivano da una botola nel soffitto e lo salvano, attaccando un tubo chiuso a quello da cui esce l'acqua e sfruttando la pressione per spararlo come un siluro contro la porta sfondandola, liberando tutti e tre. Insieme cercano di fermare Re Attila, che spezza lo sturalavandini del Possente Idraulico e riesce a tornare al suo castello, ma Mario apre un tubo vicino a quello da cui è scappato Attila per far arrivare l'acqua nel castello. Arrivano anche Mario, Luigi e il Possente Idraulico, che acchiappa Cippy con la serpentina a tenaglia per costringerlo a farlo tornare nel suo show. Cippy obbedisce e Mario gli sottrae lo scettro per evitare che faccia altro con esso, poi lui e Luigi riportano il tesoro al suo posto. Tornati a casa, Mario e Luigi finiscono di vedere l'episodio del Possente Idraulico.

Errori[modifica | modifica wikitesto]

  • Il telefono della signora che chiama il Possente Idraulico cambia colore da giallo a blu col cambio d'inquadratura.
  • Mentre Re Attila si sfoga, il bordo del suo guscio lampeggia da bianco a verde.
  • Quando Attila e Cippy guardano lo show del Possente Idraulico, lo sfondo della cucina della signora in pericolo è accidentalmente sostituito da quello del castello di Attila.
  • La serpentina a tenaglia del Possente Idraulico è verde, ma quando esce fuori dal tubo poco prima di andare a colpire Re Attila diventa rossa.
  • Quando Mario ripensa al messaggio di Attila, il suo occhio sinistro è sopra al naso.
  • Quando Cippy scappa dal Possente Idraulico, la sua testa è marrone.
  • Quando Mario sequestra lo scettro magico di Cippy, le sue scarpe sono viola.

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua
Nome
Significato

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Questa è la prima puntata della serie in cui non appaiono né Ughetto né la Principessa Amarena.
  • Questa è una delle due puntate in cui Hip va in giro in bilico su una palla come in Super Mario Bros. 3: l'altra è I sette continenti.
  • In questa puntata i Piccoli Attila hanno un ruolo ridotto: Bully, Hip, Hop e Dentolino appaiono solo brevemente all'inizio, e Cippy non accompagna Attila e il Possente Idraulico al Labirinto.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]