Blocco-Cocomero

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Blocco-Cocomero
SMS-Blocco-Cocomero-modello.png
Uso o funzione: Permette allo SPLAC 3000 di assumere tre diverse forme a seconda della cassa utilizzata.
Prima apparizione: Super Mario Sunshine (2002)
Ultima apparizione: Super Mario 3D All-Stars (Super Mario Sunshine) (2020)

I Blocchi-Cocomero[1] sono dei blocchi cubici apparsi in Super Mario Sunshine. Sono uno dei quattro tipi di blocchi più comuni del gioco, insieme ai blocchi mattone, ai blocchi di sabbia e ai blocchi di sabbia. I Blocchi-Cocomero, come suggerisce il nome, sono in realtà dei cocomeri di forma cubica; infatti, proprio come i cocomeri, sono verdi con strisce nere all'esterno e rossi all'interno. Questo aspetto è un richiamo ai cocomeri giapponesi, spesso tagliati a cubetti.

I Blocchi-Cocomero possono essere distutti solo se colpiti da sopra con uno schianto a terra, al contrario dei blocchi mattone che possono essere distrutti solo se colpiti da sotto con un salto. Una volta distrutti, si sente un effetto sonoro che ricorda uno schizzo e appare una moneta gialla.

In altre lingue[modifica | modifica sorgente]

Lingua
Nome
Significato
Giappone Giapponese
スイカブロック[2]
Suika Burokku
Blocco cocomero
UK Inglese
Watermelon block[3][4][5][6]
Melon block[7]
Blocco cocomero
Blocco melone

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. Prima Guida-Strategica Ufficiale di Super Mario Sunshine - Pagina 14
  2. Shogakukan. 2015. Super Mario Bros. Hyakka: Nintendo Kōshiki Guidebook, sezione di Super Mario Sunshine, pagina 105.
  3. Loe, Casey. Super Mario Sunshine Perfect Guide. Pagina 80.
  4. Bogenn, Tim, and Doug Walsh. Super Mario Sunshine Official Strategy Guide, pagina 95.
  5. Averill, Alan, and Jennifer Villarreal. Super Mario Sunshine Player's Guide, pagine 82 e 87.
  6. Hodgson, David S J, Bryan Stratton, and Stephen Stratton. Super Mario Sunshine Prima's Official Strategy Guide. Pagina 14.
  7. Hodgson, David S J, Bryan Stratton, and Stephen Stratton. Super Mario Sunshine Prima's Official Strategy Guide, pagine 118, 125 e 126.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]