Carlo Armato

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Carlo Armato
Carlo Armato-SMO.png
Prima apparizione: Super Mario Odyssey (2017)

I Carli Armati sono dei nemici di Super Mario Odyssey. Assomigliano a dei carri armati verdi, con ai lati l'emblema di Bowser colorato di bianco. Alcuni esemplari indossano un cappello bianco e arancione che ricorda il cilindro Ascot bianco e azzurro dello wikipedia:it:zio Sam, una personificazione nazionale degli Stati Uniti d'America.

Il loro è un gioco di parole su Carlo, "carro armato".

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Super Mario Odyssey[modifica | modifica wikitesto]

Due Carli Armati, di cui uno cap-turato da Mario in Super Mario Odyssey

In Super Mario Odyssey i Carli Armati si possono trovare nel Regno della Selva dopo aver battuto Spewart, nel Regno della City durante la notte e nelle Grotte lunari sotterranee nel Regno della Luna. Quando Mario si avvicina a loro, i Carli Armati si avvicinano verso di lui e sparano dei proiettili esplosivi di colore blu dal loro cannone. Mario può cap-turarli, lanciandogli Cappy contro; nel Regno della City è necessario colpirli con il tubalese due volte poiché indossano un cappello cilindrico arancione che li protegge. Una volta cap-turati, il giocatore può spostarsi lentamente sul terreno, mirare con cannone premendo Right Stick (o inclinando il Joy-Con / Pro Controller) e sparare con Pulsante Y. In questo modo è possibile distruggere blocchi e muri in lontanaza, sconfiggere i nemici e anche raccogliere oggetti lontani.

Durante la battaglia con il Torcibrucobot nel Regno della City, il giocatore deve cap-turare un Carlo Armato e sparargli addosso per poterlo danneggiare.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La presenza dei Carli Armati ha fatto sì che Super Mario Odyssey fosse il primo gioco della serie di Mario a ricevere una valutazione ESRB superiore al solito E.[1]

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua
Nome
Significato

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]