Astropolpo

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Astropolpo
Astropolpo-SMO.png
Prima apparizione: Super Mario Odyssey (2017)
Sprizzo
Capitaine Polpidù

Gli Astropolpi[1] sono dei nemici apparsi per la prima volta in Super Mario Odyssey. Sono grandi, fluttuanti, polpi d'argento a sei tentacoli con delle punte sopra, simili a Capitaine Polpidù. La bocca e l'attaccatura tra la testa e i tentacoli sono ricoperte da una struttura meccanica, mentre sopra la loro testa è disegnato in azzurro il simbolo dello schianto a terra, che indica il loro punto debole.

Il loro nome deriva dall'unione delle parole "astronauta" e "polpo".

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Super Mario Odyssey[modifica | modifica wikitesto]

Un Astropolpo in Super Mario Odyssey

In Super Mario Odyssey gli Astropolpi sono nemici principali del Regno della Luna e in tutto il gioco ce ne sono solamente sei. Si muovono fluttuando nell'aria e possono attaccare Mario sputando dalla bocca delle rocce a forma di cono che esplodono al contatto. Inoltre, se dato che i loro tentacoli sono appuntiti se l'idraulico li tocca subisce dei danni. Possono essere facilmente sconfitti colpendoli sulla testa con uno schianto a terra, come suggerito dell'apposito simbolo azzurro disegnato sopra. Così facendo scompaiono lasciando cadere otto monete.

Gli Astropolpi sono particolarmente fastidiosi nella fasi in cui al giocatore è richiesto di eseguire dei salti in lungo. Infatti, a causa della loro grande stazza e della gravità ridotta della luna, è molto facile per Mario colpirli accidentalmente.

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua
Nome
Significato
UK Inglese
Astro-Lanceur[2]
Da "astronaut" (astronauta) e "Mollusk Launche" ("mollusco lanciatore" in francese), da cui deriva anche il nome inglese di Capital Polpidù

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. Super Mario Odyssey - Guida Strategica Ufficiale, pagina 349
  2. Walsh, Doug, and Joe Epstein (2017). Super Mario Odyssey: Prima Collector's Edition Guide, pagina 349.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]