Il telefono via liana

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Il telefono via liana
Telefonovialiana.jpg
Serie: Terza
Nome originale: Party Line
Scrittore: Phil Harnage, Frank Ridgeway
<< Lista episodi >>

Il telefono via liana è l'ottavo episodio di Super Mario World, la terza serie animata di Super Mario.

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Mario e Luigi, a spasso con Yoshi, discutono su quanto sia pericoloso vivere nel Mondo dei Dinosauri: proprio in quel momento un dinosauro sputafuoco salta fuori e li manca per un pelo, un paio di uomini delle caverne nei dintorni fanno degli incidenti e Yoshi inciampa contro un cubo ferendosi alla coda. La Principessa Amarena arriva con i cerotti per medicarlo, e mentre Luigi afferma che ci vorrebbe un numero telefonico per le emergenze il gruppo viene attaccato da un T-Rex: mentre si nascondono, Yoshi chiede a Mario cosa sia un numero telefonico, e in quel momento una noce di cocco gli cade in testa dalla palma su cui si era appoggiato, rompendosi in due: Mario, usando le due metà della noce e una liana presa da un cubo lì vicino, crea un telefono rudimentale. Appurato che funziona, ben presto innesta un'enorme rete telefonica per tutta Dome City fatta interamente di liane e noci di cocco, con sia telefoni privati nelle case e telefoni a gettoni sugli alberi, con la Principessa che fa da centralinista.

La cosa inizia ben presto a creare problemi: gli uomini delle caverne stanno tutto il tempo chiusi in casa a telefonarsi, affaticando la Principessa e ignorando le faccende importanti come coltivare i raccolti, e le liane iniziano a crescere ovunque senza controllo. Luigi propone di introdurre le bollette per moderarli, ma Mario ritiene sia inutile in quanto non solo non sanno leggere, ma sono pressoché inutili in un posto dove puoi fare soldi semplicemente colpendo cubi. Luigi teme che presto loro due saranno responsabili dell'estinzione degli uomini delle caverne, e in quel momento arriva un'orda di Multipiedi che li attaccano. Luigi prova a chiamare il numero delle emergenze ma la linea è occupata, e a lui e Mario non tocca che arrampicarsi su un albero per salvarsi, ma i Multipiedi li raggiungono anche lì mangiando le liane. Mario cerca di colpire uno dei cubi sopra di lui, ma è troppo in alto e non ci riesce: in quel momento un Multipiedi gli morde la gamba dandogli lo slancio necessario a colpirlo, seppur cadendo a terra. Luigi prende la Stella uscita dal cubo diventando invincibile, per poi buttare tutti i Multipiedi sull'albero che usa come fionda per spararli nello spazio.

In seguito all'attacco dei Multipiedi, Oogtar arriva a chiedere riparazioni dato che la sua linea è rotta, mentre al centralino la Principessa Amarena è avvolta dalle liane. Una volta liberata, i tre decidono che sia meglio far sparire tutto quanto, ma in quel momento il T-Rex di prima torna per mangiare gli uomini delle caverne distratti dal telefono. Mario dice a Luigi e alla Principessa di avvertire la gente mentre lui sistema il mostro. Dopo averlo distratto a sufficienza, Mario trova un cumulo di cubi che colpisce nel tentativo di trovare qualcosa di utile, ma trovando solo monete prova a lanciarle contro il dinosauro per vedere se serve a qualcosa, ma questo le ingoia per poi sputargliele contro come un'unico pezzo d'oro, che colpisce Mario in testa facendogli perdere i sensi e rendendogli impossibile prendere la piuma che ha appena trovato: ma riesce comunque a usare una delle stelle che girano intorno alla sua testa per diventare invincibile e spedire il dinosauro nello spazio insieme ai Multipiedi. Quella notte, Luigi e la Principessa vanno a togliere di nascosto i telefoni nelle case degli uomini delle caverne mentre Yoshi mangia tutte le liane, affermando che il giorno dopo diranno loro che il telefono non è mai esistito.

Errori[modifica | modifica wikitesto]

  • Il dinosauro sputafuoco che salta fuori da dietro la casa appare brevemente davanti alla casa prima di saltare.
  • Quando Mario inizia a fabbricare il primo telefono, il cerchio sul cappello di Luigi è nero con la L bianca.
  • Il numero dei Multipiedi varia di scena in scena, da un minimo di 3 a un massimo di 7.
  • Quando Mario si avvolge accidentalmente nelle liane e si libera, per un breve momento le sue basette sono color carne.
  • Mentre Mario pianifica come sbarazzarsi del T-Rex, per un attimo gli occhi di Luigi hanno le pupille verdi.
  • Quando Luigi toglie il telefono di mano da Oogtar, il cerchio sul suo cappello è nero con la L bianca.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • "Meno male che ho inventato i cerotti in quattro formati: piccoli, medi, grandi e a misura di dinosauro!" - Mario
  • "Meglio il cocco: i meloni, essendo troppo succosi, ti sgocciolano nelle orecchie!" - Mario
  • "Sei una bomba, Mario! Sei forte come Antonio Meucci! Parlami ancora! ...Mario, sei lì? Dannazione, è caduta la linea come al solito!" - Luigi
  • "Ma così moriranno di fame! Sai Mario, ho un presentimento: se i cavernicoli si estinguono, la responsabilità sarà nostra!" - Luigi
  • "E ora, i primi Multipiedi mandati nello spazio! Decollo rapido!" - Luigi
  • "Eh già! Quelli si sono flippati il cervello a forza di parlare, ma noi li salveremo!" - Mario
  • "Fatemi i complimenti, ragazzi! E se volete potete chiamarmi Mario Da Vinci, ho inventato il dinoelicottero!" - Mario

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Lingua
Nome
Significato

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nessuno degli Attila appare in questo episodio.
  • Questo episodio è uno dei soli due in questa serie in cui Luigi usa dei potenziamenti: l'altro è Mamma Luigi.
  • La gag di Mario che usa una delle stelline che girano intorno alla sua testa dopo aver preso una botta come Stella si era già vista in I pirati di Attila.
  • Quando i Multipiedi vengono sparati nello spazio, è ben visibile un bizzarro satellite artificiale preistorico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]