Golem di ghiaccio

Da Mario Wiki, l'enciclopedia italiana.
Golem di ghiaccio
MTA-Golem-di-ghiaccio.jpg
Debutto in: Mario Tennis Aces (2018)

Il golem di ghiaccio è il terzo boss della modalità storia di Mario Tennis Aces. Il boss è un paio di mani con gli occhi che ricordano Rocciocchio. Si combattono sul Monte nevoso nella missione Scontro con il golem di ghiaccio. A differenza di Rocciocchio, gli occhi sono posti sui dorsi delle mani, anziché sui palmi.

All'inizio dello scontro, il golem di ghiaccio serve una palla schioccando le dita. Mario deve colpire la palla in continuazione per rimandarla al mittente, così facendo durante gli scambi la barra della vita del boss si consuma ogni volta che riceve la palla e la rilancia contro l'idraulico. Occasionalmente una sola mano gestisce gli scambi, mentre l'altra tenta di colpire Mario più volte. Durante questa fase il golem di ghiaccio scaglia di tanto in tanto una serie di colpi intensi che Mario deve bloccare. Dopo che la prima barra delle vita del boss si è consumata, la mano che serve la palla a cade a terra ed espone il suo occhio, sul dorso, mentre l'altra le si para davanti per proteggerla; Mario deve quindi scagliare due colpi intensi di fila: il primo per colpire la mano in difesa, il secondo per colpire l'occhio sull'altra mano e far perdere al boss il suo primo cuore. A questo punto il golem di ghiaccio crea due muri di ghiaccio, uno sulla sinistra e l'altro sulla destra, mentre entrambe le mani spingono per quattro volte dei blocchi di ghiaccio verso Mario, che deve evitarli saltando; le prime due file di blocchi si muovono a zigzag, la terza in linea retta, mentre l'ultima si muove in modo ondulato. Una volta scomparsi i muri di ghiaccio, una o entrambe le mani riprendono a servire la palla, ma questa volta scagliando più frequentemente i colpi intensi. Inoltre, una volta che la seconda barra della vita del boss si è esaurita, prima di poter colpire l'occhio della mano che serve, Mario deve scagliare due colpi intensi sulla mano che difende anziché uno solo. A questo punto il boss, perso il suo secondo cuore, ripete l'attacco con i muri e i blocchi di ghiaccio, questa volta per sei volte; le prime quattro file di blocchi si muovono a zigzag, la quinta in linea retta, mentre l'ultima si muove in modo ondulato. Nella terza e ultima fase dello scontro, il golem di ghiaccio riprende a colpire la palla con le dita ed esegue ancora più colpi intensi. Questa volta, dopo che la terza barra del boss si è esaurita, la mano che difende continua a muoversi lentamente a sinistra e a destra e e non può essere stordita dai colpi intensi; Mario deve quindi sfruttare il movimento della mano per trovare un'apertura in cui scagliare il colpo intenso verso l'occhio dell'altra mano. Perso il suo ultimo cuore, il boss scompare e al suo posto compare un forziere contenente la terza pietra del potere.

In altre lingue[modifica | modifica sorgente]

Lingua
Nome
Significato
Giappone Giapponese
アイスゴーレム
Aisu Gōremu
Golem di ghiaccio
UK Inglese
Snow Ogre
Orco di ghiaccio
Francia Francese
Golem de glace
Golem di ghiaccio
Spagna Spagnolo
Gólem de hielo
Golem di ghiaccio
Paesi Bassi Olandese
IJsmonster
Mostro di ghiaccio
Russia Russo
Ледяной великан
Ledyanoy velikan
Gigante di ghiaccio
Cina Cinese
冰魔像
bīng mó xìang
Golem di ghiaccio

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]